E-commerce in Italia: trend per il 2021 | Allaseconda Digital Agency Bari

E-commerce in Italia dopo la pandemia: dati e prospettive

e-commerce in italia

E-commerce in Italia dopo la pandemia: dati e prospettive

La situazione dell’e-commerce in Italia dopo l’anno di pandemia, i trend e le previsioni per il futuro. 

 

 

Il 2020 è stato un anno decisivo per qualsiasi azienda e attività italiana: la pandemia ha coinvolto ogni settore e in particolare l’e-commerce in Italia ha vissuto un punto critico. La vendita online in Italia infatti ha dovuto fare i conti con un momento decisivo, in cui il cambiamento era inevitabile

Numerose realtà hanno intrapreso la strada della vendita online, chi per la prima volta, chi investendo su siti web e e-commerce personali fino ad ora poco consolidati. Quando le serrande dei negozi hanno dovuto abbassarsi, fare la spesa o ordinare una cena dallo smartphone è diventata quotidianità. L’e-commerce quindi è diventato una necessità.

e-commerce in italia Qual è la situazione del mercato e-commerce in Italia?

Già dai primi mesi della pandemia abbiamo assistito a una significativa crescita dell’e-commerce in Italia. Infatti i dati del report di Casaleggio Associati sulla situazione e-commerce in Italia 2021 rivelano che nel mondo durante il 2020 il 90,4% di utenti ha visitato un e-store e il 76,8% ha acquistato un prodotto online. Inoltre più del 55% degli utenti mondiali e il 90% degli italiani maggiorenni (3,2 milioni di utenti) utilizza un device mobile per navigare su internet. Un dato non da sottovalutare, visto che lo smartphone è diventato il protagonista nella quotidianità degli italiani non solo per divertirsi ma anche per fare acquisti utili. 

Dopo 15 anni di forte crescita e accelerazione, l’e-commerce in Italia nel 2020 ha registrato una lieve flessione del -1% rispetto all’anno precedente, registrando comunque un fatturato per le vendite online di 48,25 miliardi di euro

Gli italiani hanno apprezzato il passaggio delle aziende all’e-commerce e hanno ben affrontato la digitalizzazione di molte attività: il 56% delle interazioni con i brand è avvenuto online. Un dato importante e un semaforo per le aziende: curare la presenza online e tutti i canali, social, sito web, customer care è fondamentale per relazionarsi con il cliente e portarlo all’acquisto! 

Le imprese d’altro canto hanno visto nella vendita online una grande opportunità e l’hanno subito colta. Più di 10 mila aziende si sono registrate al registro imprese con il codice ATECO relativo al commercio online (primario o secondario), evidenziando una crescita del 50% rispetto a quella del 20% del 2020. 

Anche le attività che non hanno un e-commerce hanno scelto di vendere comunque online tramite i Social media o con altre modalità. 

e-commerce in italia Cosa hanno acquistato di più gli italiani online?

La pandemia ha inciso fortemente sulla quotidianità degli italiani. I prodotti di prima necessità sono stati infatti quelli più acquistati online. Non potendo uscire di casa, il settore dell’Alimentare ha registrato una crescita del 63% rispetto all’anno precedente. 

Quanto è comodo fare la spesa comodamente seduti sul divano? Code in cassa e assembramenti sono evitati e si sceglie con molta più calma! 

Anche altri settori hanno evidenziato una crescita importante: Elettronica, Editoria, Salute e Bellezza sono tra i settori che hanno aumentato le vendite online. Invece Casa e Arredamento, Moda e Tempo Libero hanno fatto una marcia indietro durante questo periodo. Se da un lato il food è stato il primo pensiero durante le lunghe giornate in casa, il non poter uscire e viaggiare ha causato non pochi problemi a questi settori. 

dati e-commerce Trend e-commerce in Italia

L’anno di pandemia ha messo le aziende e le attività commerciali di fronte a una vera e propria rivoluzione e fare marcia indietro è impossibile! È il momento di adottare nuove strategie e adattarsi alla domanda dei consumatori. 

  • I brand dovranno investire in logistica e customer care: il 69% degli utenti al mondo desidera parlare in tempo reale con l’azienda e il 26% dichiara di essere soddisfatto dell’esperienza d’acquisto se riceve un’assistenza immediata
  • Sempre più aziende hanno iniziato a investire su packaging sostenibili: temi come ambiente, economia circolare ed energia verde sono molto caldi tra i consumatori che acquistano online. Il 63% infatti dichiara di voler acquistare da una società che condivide le informazioni sull’impatto dei propri prodotti sul pianeta e il 42% è disposto a pagare un costo extra per spedizioni più sostenibili
  • Solo il 37% degli e-commerce in Italia ha iniziato a sviluppare nel 2020 una strategia omnicanale. Una parte fondamentale nella vendita per le aziende per relazionarsi con i consumatori. Secondo i dati, i consumatori mondiali utilizzano in media 6 punti di contatto e un consumatore che utilizza più di 4 canali aumenta la sua spesa del +9%. 

Investire quindi in una strategia che unisca più canali online è essenziale per avvicinare il cliente che sceglierà il suo canale preferito per acquistare.  

investimenti social Social Media e investimenti online per continuare a crescere con l’e-commerce in Italia

Durante la pandemia il ruolo dei social media è stato determinante. Il digital advertising in Italia è cresciuto notevolmente e si prevede che nel 2021 supererà la pubblicità tradizionale. Il 21% delle aziende italiane ha intenzione di investire in digital marketing e il 60% sui social media. 

I social media sono il canale più utilizzato dagli italiani per conoscere, approcciarsi e interagire con un brand. Il 68% ricerca informazioni sui brand e prodotti in primis dai social network, in particolare su Facebook. 

Il social ha lanciato Facebook Shop che permette di creare negozi online: una grande opportunità anche per le piccole-medie imprese di vendere in rete! L’interesse per questo social, sia da parte delle aziende che degli utenti, continua a crescere, seguito da Instagram. 

Il 60% delle aziende l’ha scelto nel 2020 per gli investimenti pubblicitari. Instagram permette di comunicare direttamente all’utente i valori del brand; è possibile aprire lo shop direttamente sulla piattaforma e crea più coinvolgimento e interazioni con i follower!

Le prospettive dell’e-commerce in Italia per il 2021 fanno ben sperare per le aziende: è il momento di lanciarsi e sfruttare i canali online!

Condividi:
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.